Gli anticorpi prodotti dall'alpaca possono eliminare il nuovo coronavirus con buoni effetti

Secondo Reuters, scienziati belgi e americani hanno scoperto che gli anticorpi prodotti dall'alpaca potrebbero essere la chiave per trovare un nuovo coronavirus. Hanno trovato una minuscola particella sull'alpaca che sembrava fermare il virus, il che aiuterebbe gli scienziati a sviluppare ulteriormente farmaci per trattare il nuovo coronavirus.
Secondo il rapporto del "New York Times" del 6, di recente, scienziati belgi hanno scoperto che gli anticorpi alpaca possono eliminare il nuovo coronavirus, i ricercatori hanno pubblicato i risultati rilevanti sulla rivista "Cell" (Cell) degli Stati Uniti la 5a ora locale .
Secondo un rapporto di ricerca, un comune alpaca chiamato Winter in Belgio ha partecipato a una serie di studi sulla SARS e sul Coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS). Gli scienziati hanno scoperto che due anticorpi An efficaci contro MERS e SARS, rispettivamente, e gli scienziati hanno confermato che questi due anticorpi possono anche eliminare il nuovo coronavirus.
L'autore dello studio, il dottor Xavier Saelens, virologo molecolare presso l'Università di Ghent in Belgio, ha sottolineato che poiché gli anticorpi alpaca sono facilmente controllati ed estratti, questi anticorpi alpaca possono essere Altri anticorpi (compresi gli anticorpi neocrown di fabbricazione umana) sono collegati o fusi, mentre questi anticorpi misti possono rimanere stabili durante le operazioni di cui sopra.
Una scoperta inaspettata nel laboratorio dell'Università di Bruxelles nel 1989 ha fornito ai ricercatori informazioni sulle proprietà insolite degli anticorpi nel sangue di cammelli, lama e alpaca. Questi anticorpi sono stati inizialmente utilizzati nella ricerca sull'AIDS e in seguito si sono dimostrati efficaci contro molti virus, tra cui la recente epidemia di sindrome respiratoria mediorientale (Mers) e sindrome respiratoria acuta grave (Sars).
La ricerca indica che gli esseri umani producono un solo tipo di nuovo anticorpo corona, mentre l'alpaca produce due tipi di nuovi anticorpi corona, uno dei quali è simile agli anticorpi umani per dimensioni e composizione, ma l'altro anticorpo è molto più piccolo. Un anticorpo più piccolo è più efficace nell'eliminare il nuovo coronavirus.
L'articolo del "New York Times" ha sottolineato che per molto tempo gli scienziati hanno studiato gli anticorpi alpaca. Nell'ultimo decennio, gli scienziati hanno utilizzato gli anticorpi prodotti dall'alpaca nello studio dell'AIDS e dell'influenza e hanno scoperto che gli anticorpi dell'alpaca hanno un buon effetto terapeutico su questi due virus.
I ricercatori sperano che gli anticorpi prodotti dall'alpaca vengano eventualmente utilizzati per il trattamento preventivo, cioè per iniettare nuovi anticorpi alpaca a persone che non sono state infettate dal nuovo coronavirus per proteggerle dalle nuove infezioni da coronavirus. , Al fine di proteggerli dall'infezione da parte dei pazienti durante il trattamento di pazienti con nuova polmonite coronarica.
Oltre alla ricerca sugli anticorpi alpaca contro la MERS e il nuovo coronavirus, gli scienziati hanno condotto anche ricerche su virus infettivi come l'AIDS e l'influenza sugli alpaca. Gli studi hanno dimostrato che l'alpaca può anche produrre anticorpi corrispondenti a questi virus e ha un buon effetto terapeutico.
Lo studio sottolinea che, sebbene l'effetto protettivo del nuovo anticorpo corona alpaca sia immediato, il suo effetto non è permanente. Se l'anticorpo alpaca new crown non viene iniettato di nuovo, l'effetto protettivo può durare solo uno o due mesi.
È stato riferito che l'obiettivo del team di ricerca è avviare sperimentazioni su animali e umani entro la fine di quest'anno.